VIP

BlogList - Sipario
- 11/02/2010 15:03 - Stiben Mesa Paniagua

Tag: About Her Brother (Otouto) , Alessandro Aronadi , Apart Together (Tuan Yuan) , Berlinale , Come si deve , Cosa voglio di più , Davide Mannella , Due vite per caso , Ferzan Ozpetek , Festival internazionale del cinema di Berlino , Giardini di luce , Io sono l’amore , L’uomo nell’ombra , La bocca del lupo , Luca Guadagnini , Martin Scorsese , Mine vaganti , Non è ancora domani , Orso d’oro , Pietro Marcello , Roman Polanski , Shutter Island , Silvio Soldini , Tizza Covi

Inizia oggi la 60° edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, che andrà avanti fino al 21 febbraio e si concluderà con l’assegnazione dell’Orso d’oro al miglior film. La rassegna, nota come Berlinale, diretta da Dieter Kosslick presenta 20 titoli in concorso ed altri 6 fuori concorso: il film d’apertura sarà Apart Together (Tuan Yuan) del cinese Wang Quan’an che sarà proiettato stasera alle 19:30 al Berlinale Palast, mentre il programma si chiuderà col giapponese About Her Brother (Otouto) di Yoji Yamada. Da segnalare la presenza di grandi firme come Roman Polanski in concorso con L’uomo nell’ombra, previsto per domani, e Martin Scorsese con Shutter Island, in programma per sabato 13 febbraio, quest’ultimo fuori gara.

Per l’Italia, nonostante l’assenza di film in gara, c’è da registrare una cospicua partecipazione, infatti, sono molte le pellicole (lungometraggi) presenti nelle varie sezioni del festival. In Panorama Special troviamo Mine vaganti di Ferzan Ozpetek (turco ma cresciuto professionalmente in Italia); e Due vite per caso del regista esordiente Alessandro Aronadio. Nella sezione Berlinale Special per gli italiani c’è Cosa voglio di più di Silvio Soldini. E ancora in Culinary Cinema ci sono Luca Guadagnini con Io sono l’amore e Davide Mannella con Come si deve. In Forum è presente La bocca del lupo di Pietro Marcello, vincitore a Torino 2009. Nella sezione Generation Kplus c’è il film Non è ancora domani di Tizza Covi e Rainer Frimmel, quindi, Italia e Austria.

D’italiano troviamo, inoltre, nella sezione dedicata ai cortometraggi Giardini di luce di Davide Pepe e Lucia Pepe. E, tra l’altro, nella speciale retrospettiva dedicata all'anniversario numero 60 del festival sono presenti molti titoli del cinema del Bel Paese: Il giardino dei Finzi Contini (1970) di Vittorio De Sica, La notte (1961) di Michelangelo Antonioni, Salvatore Giuliano (1961) di Francesco Rosi e Il Cristo proibito (1951) di Curzio Malaparte. Parla italiano anche la giuria, capeggiata da Werner Herzog, con la regista romana Francesca Comencini.

IN CONCORSO

  • A Family (En famiglie) di Pernille Fischer Christensen (Danimarca)
  • Apart Together (Tuan Yuan) di Wang Quan’an (Cina) – Film d’apertura
  • A Somewhat Gentle Man (En ganske snill mann) di Hans Petter Moland (Norvegia)
  • A Woman, A Gun And A Noodle Shop (San qiang pai an jing qi) di Zhang Yimou (Cina)
  • Caterpillar di Koji Wakamatsu (Giappone)
  • Greenberg di Noah Baumbach (USA)
  • Honey (Bal) di Semih Kaplanoglu (Turchia / Germania)
  • How I Ended This Summer (Kak ya provel etim letom) di Aleksei Popogrebsky (Russia)
  • Howl di Rob Epstein e Jeffrey Friedman (USA)
  • If I Want To Whistle, I Whistle (Eu când vreau sa fluier, fluier) di Florin Serban (Romania / Svezia)
  • Jud Süß di Oskar Roehler (Germania / Austria)
  • L’uomo nell’ombra di Roman Polanski (Germania / USA)
  • Mammuth di Benoît Delépine e Gustave de Kervern (Francia)
  • On the Path (Na Putu) di Jasmila Zbanic (Bosnia-Herzegovina / Austria / Germania / Croazia)
  • Puzzle (Rompecabezas) di Natalia Smirnoff (Argentina)
  • Shahada di Burhan Qurbani (Germania)
  • Submarino di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • The Hunter (Shekarchi) di Rafi Pitts (Iran / Germania)
  • The Killer Inside Me di Michael Winterbottom (USA)
  • The Robber di Benjamin Heisenberg (Austria / Germania)

FUORI CONCORSO

  • About Her Brother (Otouto) di Yoji Yamada (Giappone) – Film di chiusura
  • Exit Through the Gift Shop di Banksy (USA / Gran Bretagna)
  • My Name Is Khan di Karan Johar (India)
  • Please Give di Nicole Holofcener (USA)
  • Shutter Island di Martin Scorsese (USA)
  • The Kids Are All Right di Lisa Cholodenko (USA)

PANORAMA

  • Barriere di Andreas Kleinert (Germania)
  • Born To Suffer di Miguel Albaladejo (Spagna)
  • Due vite per caso di Alessandro Aronadio (Italia)
  • Fucking Different São Paulo di Rodrigo Diaz Diaz, Luiz René Guerra, René Guerra, Sabrina Greve, Joana Galvão, Monica Palazzo, Max Julien, Ricky Mastro, Silvia Lourenço, Gustavo Vinagre, Herman Barck, Luciana Lemos e Elzemann Neves (Germania / Brasile)
  • Going South di Sébastien Lifshitz (Francia)
  • Initiation di Peter Kern (Germania / Austria)
  • Jolly Fellows di Feliks Mikhaylov (Russia)
  • Just Another Love Story di Kaushik Ganguly e Rituparno Ghosh (India)
  • Missing Man di Anna Fenchenko (Russia)
  • Open di Jake Yuzna (USA)
  • Parade di Isao Yukisada (Giappone)
  • Sex & Drugs & Rock & Roll di Mat Whitecross (Gran Bretagna)
  • Son of Babylon di Mohamed Al Daradji (Iraq / Gran Bretagna / Francia / Olanda / Egitto / Palestina)
  • Southern District di Juan Carlos Valdivia (Bolivia)
  • The Actresses di E e J-Yong (Corea del Sud)
  • The Man Who Sold the World di Imad Noury e Swel Noury (Marocco)
  • The Owls di Cheryl Dunye (USA)

GENERATION 14PLUS

  • Bran Nue Dae di Rachel Perkins (Australia)
  • Dooman River di Zhang Lu (Francia / Corea del Sud / Cina)
  • Gentlemen Broncos di Jared Hess (USA)
  • I Miss You di Fabián Hofman (Messico / Argentina)
  • Joy di Mijke de Jong (Olanda)
  • Neukölln Unlimited di Agostino Imondi e Dietmar Ratsch (Germania)
  • Portraits In A Sea Of Lies di Carlos Gaviria (Colombia)
  • Road, Movie di Dev Benegal (USA / India)
  • Sebbe di Babak Najafi (Svezia)
  • Sister Welsh’s Nights di Jean-Claude Janer (Francia)
  • Summer Wars di Mamoru Hosoda (Giappone)
  • The Famous And The Dead di Esmir Filho (Brasile / Francia)
  • The Well di Umesh Vinayak Kulkarni (India)
  • Youth in Revolt di Miguel Arteta (USA)

GENERATION KPLUS

  • A Brand New Life di Ounie Lecomte (Francia / Corea del Sud)
  • Alamar di Pedro González-Rubio (Messico)
  • Bestevenner di Christian Lo (Norvegia)
  • Boy di Taika Cohen (Nuova Zelanda)
  • Echoes of the Rainbow di Alex Law (Cina / Hong Kong)
  • Iep! di Ellen Smit (Belgio / Olanda)
  • Knerten di Åsleik Engmark (Norvegia)
  • Non è ancora domani di Tizza Covi e Rainer Frimmel (Austria / Italia)
  • Pudana – Last of the Line di Anastasia Lapsui e Markku Lehmuskallio (Finlandia)
  • Superbrother di Birger Larsen (Danimarca)
  • Susa di Rusudan Pirveli (Georgia)
  • This Way of Life di Thomas Burstyn (Nuova Zelanda)
  • Welcome to THE SPACE SHOW di Koji Masunari (Giappone)
  • Yuki & Nina di Hippolyte Girardot e Nobuhiro Suwa (Francia)
Commenti: 0
Inserisci il tuo commento
  captcha

 
Commenti
Accesso
Gli ultimi post
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
Aggiungici su